Home

giorgio home immagineprof



Tutto ha avuto inizio negli anni ’90 quando rimasi af
fascinato da quell’affisso “del Beccolungo” tramite il quale ho conosciuto il professore dei setter e delle beccacce, vale a dire Vincenzo Celano, che mi cedette prima dei cuccioli figli di Nerone e poi una femmina molto interessante del suo allevamento. Da lì è poi cominciata con lui una collaborazione fatta di comuni intenti e di modi di vedere sul setter inglese e le beccacce, ma soprattutto sul cane da lavoro, collaborazione sbocciata alla fine in un’affettuosa amicizia. Sostenuto negli anni dalla sua esperienza e della sua indubitabile certezza che il buon allevamento si fonda soprattutto su femmine di buona famiglia, ho selezionato delle fattrici di affidabile genetica e di collaudato valore nella caccia cacciata. Queste fattrici, accoppiate principalmente con Doge del Tirso hanno generato soggetti con una particolare impronta di tipicità, anche l’immissione di altra pregevole genetica ha portato alla nascita dello stilista Gladio. A seguito degli incoraggianti apprezzamenti ricevuti da cacciatori e cinofili per i successi da loro ottenuti con soggetti da me allevati, ho creduto di dare al mio piccolo allevamento amatoriale l’affisso “del codice pin”. L’ispirazione mi è venuta ancora una volta dal prof. Celano, che scrivendo uno dei suoi ultimi magistrali articoli sul cane da beccacce, se ne usciva con la sua solita arguzia e ironia, diretta ai nuovi furbetti affacciatisi sulla scena cinegetica, che il nostro cane quotidiano deve semplicemente essere un cane col codice pin. Il che vuol dire che il vero cane da lavoro, qualunque mestiere è chiamato poi a fare, deve possedere come requisiti fondamentali e indispensabili.Passione Intelligenza Naso. Naso, fine nel discernere, che porta le gambe e non viceversa. Della non poca responsabilità che mi sono as
sunto nel dare questa griffa ai setter da me prodotti sono perfettamente cosciente.

cora

doge